Ugovizza: Malga Priu e Casera Mezesnik (Ciaspolata)

Ugovizza: Malga Priu e Casera Mezesnik (Ciaspolata)

di Aggiornato: 24 Luglio 2016 0 commenti

Indicazioni per il parcheggio.

Ugovizza è raggiungibile dalla SS13 Pontebbana o dall’uscita autostradale Malborghetto Valbruna. Arrivati in loco bisogna attraversare il piccolo paese puntando a nord; si sale costeggiando alla nostra sinistra il rio Uque fino a prendere la carreggiabile asfaltata che risale la valle di Ugovizza (via Uque, indicazioni per malga Priu). Si risale la valle per circa 3.6km arrivando ad un bivio con cappella dove, confortati dalle tabelle presenti, si svolta a sinistra in val Rauna salendo ancora per poco più di mezzo chilometro. A destra troveremo uno spiazzo dove poter lasciare l’auto, mentre a sinistra, in corrispondenza di un cartello informativo, parte la carrareccia per malga Priu.

Escursione.

Fronte parcheggio (1090m) lato bosco si intravederanno i cartelli che indicano proprio la prima meta della giornata, ovvero Malga Priu. Si prende il sentiero che inizialmente scende verso il greto del torrente Rauna per poi risalire dalla parte opposta. Risaliti al primo tornante vedremo ai piedi di un albero indicazioni per Fam. Tributsch verso sinistra, ovvero da dove arriveremo dopo aver improvvisato un anello che senza neve sarebbe arduo compiere. Noi teniamo la destra e proseguiamo sull’ampio sentiero ben intuibile anche in presenza di oltre due metri di neve.

Da qui è tutto molto semplice, si segue l’ampia carrareccia innevata, e salendo in modo lieve ma costante andremo ad inanellare una serie di tornanti sino a trovare presso una curva  un cartello che ci fa deviare a sinistra. Dopo un centinaio di metri  sbucheremo nella radura dove è presente la stalla dei bufali e poco dietro Malga Priu (1255m).

Dopo una sosta nel patio della malga, puntiamo decisi nella spianata bianca alla destra della stessa. La attraversiamo in obliquo puntando direttamente al bosco in fondo, dove troveremo indicazioni in merito verso Sella Collarice. Qui dopo essersi infilati nel sottobosco procederemo per qualche centinaio di metri sino ad intercettare la carrareccia che porta a casera Mezesnik.

Proseguiamo giusto per un tornante, poi ad un innesto ad Y, prendiamo la carrareccia più alla nostra destra, dobbiamo affrontare poco più che un tornante e sbucheremo sulla radura a valle della casera stessa. Proseguiamo aggirando dal basso in una ampia curva a destra e re-intercettiamo la carrareccia di prima. Ancora un piccolo strappo e siamo arrivati a Casera Mezesnik (1416m) da dove si ammira un bellissimo panorama che spazia dal Mangart al Montasio. La sosta è d’obbligo nonché molto rilassante, se la giornata è soleggiata questo posto è letteralmente “baciato dal sole” e mangiarsi un panino sulla neve con il sole che riscalda è davvero fantastico.

Scendiamo dalla casera, ma non prendiamo il sentiero da dove siamo arrivati, tiriamo via dritti sulla carrareccia principale (tenendo la destra). Affrontiamo un paio di tornanti dove bisogna individuare una traccia che con la neve alta potrebbe essere complicata da notare. Si taglia nel bosco facendo attenzione, di fatto siamo in “fuori pista” per cui a seconda della condizione del manto nevoso può essere facile o difficile. Con questa scorciatoia (meglio se muniti di GPS) salteremo fuori nuovamente nella radura di Malga Priu.

Puntiamo direttamente al percorso fatto per arrivare alla Malga, ma al primo tornante di nuovo cerchiamo una traccia, un piccolo sentiero che ci poterà ad un capanno senza nome. Anche in questo caso siamo di fatto in fuori-pista, per cui valgono le raccomandazioni di cui sopra. Nel giro di breve si dovrebbe trovare il sopracitato capanno immerso nel bosco. Da quest’ultima puntiamo verso nord  e muovendosi a vista col GPS spunteremo in un cento / centocinquata metri su una nuova radura, dove sono presenti una serie di case e una sorta di mulino a vento. Scendiamo dal costone sin giù a queste abitazioni, tanto da scorgere alla nostra sinistra una più defilata, con il nome di “villa chiara”. La raggiungiamo e seguiamo il sentiero alla sua destra, nel giro di 5o metri spunteremo nella carrareccia iniziale (teniamo la destra), nei pressi del ponte, da cui effettuare l’ultima risalita sino al parcheggio.

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.